International Sites: United States · India · Japan · Latin America · China · Thailand · United Kingdom
Con quale frequenza vengono eseguiti gli audit di sorveglianza?

Normalmente il programma di sorveglianza è annuale (ogni 12 mesi), anche se è raccomandato che l’organizzazione effettui una sorveglianza ogni 6 mesi. In entrambi i casi, le linee guida pubblicate dal Forum Internazionale per l’Accreditamento (IAF) richiedono che il tempo totale degli audit di sorveglianza sia uguale ad 1/3 del tempo dell’audit di registrazione iniziale, e che il tempo totale degli audit di rinnovo sia uguale ai 2/3 del tempo dedicato all’audit iniziale. Tuttavia, il tempo impiegato nell’audit di rinnovo può variare, rispetto agli obbligatori 2/3, in base a “rilevanti fattori che possono applicarsi unicamente all’organizzazione”, ivi compresi, ma non solo, quelli riportati nell’Allegato 2 della Guida IAF sulla candidature per la norma ISO/IEC Guida 62. La Guida è disponibile sul sito web della IAF www.iaf.nu alla sezione ‘Documentazione’.

La maggior parte dei clienti di PJR sceglie l’opzione della sorveglianza continua (ogni sei mesi), aper via dei vantaggi che offre. Con questo metodo, il vostro sistema di qualità viene costantemente tenuto sotto controllo. Con intervalli minori tra un audit e l’altro, il vostro sistema ha meno possibilità di cedere. In questo modo, ci sono meno probabilità che un auditor rilevi nonconformità gravi, che potrebbero aumentare i tempi e costi di correzione.

Posted in: Politiche di Audit